Wilhelm Hofelich (1882-1950)

Portrait Wilhelm Hofelich nasce il 5 Agosto 1882 a Bernried, presso il lago di Starnberg. Secondo la cronaca di famiglia, scritta dalla madre di Wilhelm, suo padre Ludwig si rallegra molto della nascita del suo primo figlio; ciononostante educa lui e suo figlio minore Arnold con estrema severità. I due ragazzi temono i suoi modi aspri e taglienti. Inoltre i ragazzi crescono durante le estati in solitudine al lago di Starnberg.

Wilhelm è un bambino con vari talenti; da sua madre ha ereditato la musicalità e dal padre il talento per il disegno. Frequentò la scuola Simultan a Monaco, poi il ginnasio. La madre gli procura un' eccellente istruzione musicale e gli dà lezioni di pianoforte. Nel 1901 Wilhelm, diligente e preciso, superò l'esame di maturità con ottimi voti in tutte le materie. Durante gli anni successivi studia fisica e matematica all'università tecnica di Monaco, laureandosi nel 1906 a pieni voti. Nel 1906 e nel 1907 frequenta un corso pedagogico-didattico al ginnasio Thersien a Monaco.

Nel periodo tra il 1910 e il 1913 insegna a Bucarest in scuole superiori della comunità evangelica. Partecipa come dirigente a varie organizzazioni di riproduzioni di arte Durer e diventa direttore della corale per la cura di musiche tedesche ed altre associazioni.

Bernried Nell'estate 1913 torna in Germania e continua a sviluppare i suoi talenti per la musica e per la pittura. Il suo talento per la pittura si è ingrandito ulteriormente durante l'archiviazione del lascito delle opere paterne come stabilito da suo padre.

Wilhelm viaggia a Parigi e nella Francia del Nord, a Venezia, Roma e Napoli; poi a Berlino e nel 1913 a Costantinopoli, Grecia e Sicilia. Il suo talento per la riproduzione di impressioni della natura dei suoi ricordi si sviluppa in modo naturale.

Frequenta per un anno il conservatorio di Monaco, dove dà lezioni private di teoria della musica. Al conservatorio studia dal professore Friedrich Klose tra il 1907 e il 1908.

La cronaca di famiglia risale al 1914, e contiene notizie di Wilhelm soltanto fino al trentaduesimo anno di età. Dal 1914 al 1918 Wilhelm insegna in una scuola media superiore a Schweinfurt (Baviera, Bassa Franconia) e, dal 1918 al 1920, a Landsberg (Alta Baviera). Da scritti personali si deduce che Wilhelm soffra di una malattia cronica durante gli anni intorno al 1920. Questa malattia lo porta ad un pensionamento anticipato. Si dedica in seguito all'insegnamento privato e studia all' accademia dell'arte di Monaco.

Il prossimo punto di riferimento deriva da un ritaglio di giornale del 1924. In un articolo di un'esposizione di dipinti nel palazzo di vetro di Monaco Glaspalast, Wilhelm Hofelich riceve gli onori. La sua opera "Zugspitze" in argentata luce nebbiosa, domina la sala con i paesaggi in grande formato.

Dopo il divorzio seguito ad un breve matrimonio, Wilhelm sposa nel 1928 Lucie Betz di Stuttgart. La coppia vive a Monaco, ma il loro secondo domicilio diventa la casa dei genitori della moglie a Stuttgart-Kaltental.

Il primo Novembre 1933 Wilhelm Hofelich diventa membro della Reichskammer per arti figurative.

Nel 1934 espone una serie di belle opere nell' associazione d'arte a Monaco. Viene lodato nella "Münchner Zeitung" come erede di una tradizione famigliare nella pittura di paesaggi.

Wilhelm espone le sue opere al pubblico; suo padre non lo faceva quasi mai. La vendita delle sua opere però risulta difficoltosa; questo si deduce da una richiesta di documenti fatta nel 1936 al comune di Stuttgart pregando di esonerarlo dalle spese perchè nullatenente.

Il 19 Settembre 1939 si legge nella "Münchner Neuesten Nachrichten" che Wilhelm Hofelich abbia ereditato la tradizione della scuola Lier. Questo si riconosce soprattutto nelle sue prime opere. In tempi più recenti invece il suo modo di dipingere è risultato più leggero, a beneficio soprattutto dei suoi quadri invernali. Le sue rappresentazioni alpine trovano grande interesse, soprattutto i dipinti "Benediktenwand" e "Hochvogel".

Contemporaneamente il "Völkische Beobachter" racconta dell'esposizione nel Kunstverein di Monaco, dove Wilhelm Hofelich espone 39 dipinti di paesaggi boschivi intorno a Stuttgart di montagne tirolesi. I suoi dipinti di seggestive gelate e inverni vengono particolarmente apprezzati.

All'inizio della seconda guerra mondiale Wilhelm ha 57 anni. Vive con sua moglie a Monaco, Schwabing, Pünderplatz 1, più tardi vive nella Hohenzollernstrasse 37. Durante un attacco aereo il suo appartamento e il suo atelier vengono bruciati il 12 Luglio 1944. Wilhelm perde tutti i suoi averi, anche i quadri e cornici del valore di circa 25000 Marchi d'oro. Lui e Lucie trovano rifugio presso suo fratello Arnold a Trostberg nel Chiemgau del nord. Da una lettera di Wilhelm all'ente di abitazione a Trostberg si deduce che si vuole esproriare l'appartamento a Arnold, il quale non era politicamente attivo durante il periodo nazista e non si era arricchito. Anche Wilhelm avrebbe perso la possibilità di lavorare ai suoi dipinti durante i freddi mesi invernali. In qualità di ferito aviatore non avrebbe ricevuto la possibilità di luce e riscaldamento. Perciò il danno per la mancanza di possibilità di lavoro a causa della mancanza di un appartamento sarebbe ben più alta della perdita dei quadri bruciati.

Seguono anni pieni di rinunce per Wilhelm Hofelich e per sua moglie. La coppia trova finalmente un rifugio a Übersee nel Chiemgau dove l'artista si può dedicare di nuovo alla sua arte.

Per metà della sua vita suo padre viaggiava tra Monaco e Bernried. Wilhelm fa la stessa cosa durante i suoi ultimi anni spostandosi di frequente tra Übersee e Stoccarda. Qui espone nelle case d'arte Schaller, Hirlinger e Valentin i suoi dipinti di paesaggi ottenendo un buon successo.

All'inizio del 1950 le vecchie ferite di guerra di Wilhelm riaffiorano. Muore il 4 Aprile durante un soggiorno a Stoccarda.

Mezzo secolo più tardi io incontro Wilhelm e Ludwig Hofelich nelle loro opere e comincio le ricerche.



06/02/2013

© 2004-2011 Gabriele Wittfeld